Apartments
-Alajbeg-
─îiovo - Trogir

Contact info

Apartments Alajbeg
Kralja tomislava 51 A
HR/21220 Trogir

Email: info@apartments-in-trogir.com
Tel: + 385 (0) 21 806 109
GSM: +385 (0) 99 666 9129

Weather forecast for Trogir


Temperature: °C
Wind: m/s
Pressure: hPa
Moist: %

Apartment booking form

  • Name:
  • Surname:
  • Address:
  • ZIP code:
  • City:
  • Country:
  • Phone:
  • Email:
  • Apartment:
  • Message:
  • Antispam question (number) 6+3 = :

Trogir info

CITTA ’DI CULTURA
È vero, Trogir è spesso chiamato una "citta monumento".
Cattedrale di San. Lorenzo con il portale di Radovan, torre Kamerlengo, porta della città, Palazzo Cippico, City Hall, St.. Nicholas, museo, galleria di foto, Kairos collezione d’arte sono solo alcune delle attrazioni di questa città. 

Dopo tutto, così come l’UNESCO ha dichiarato:
"Trogir è valido, Trogir è un sito del patrimonio mondiale. Ma non girate solo alla pietra. Consulta e gira per lo spirito nascosto nella pietra. Cerca tutti i costruttori, architetti, artisti, mecenati, tutte quelle storie che stanno dietro a quella pietra, che erano Trogir creare e conservare il secolo passato ".

Città di intrattenimento e gastronomia
Caffe bar, taverne, ristoranti, negozi di souvenir, angolo di jazz,angolo di musica tradizionale, angolo di teatro, musica e festival di musica pop ...
Sì, è tutto divertimento. Varie. Flessibile. Interessante. Ma la vita di passaggio da tre punti: il mercato, e piazza lungomare. C’è passione, ci sono vibrazioni. In breve, inizia il divertimento e ... 

La città non è solo monumenti e storia. 
Città è tutti i profumi e colori, sapori e suoni, tutti i piatti che sono perfetti per secoli ha creato intrecci una serie di influenze culinarie. 

Trogir è una cucina definita da una leggera cucina mediterranea: pesce, crostacei, frutti di mare, abbondante olio d’oliva, formaggio, prosciutto, piatti a base di carne.
Tuttavia, l’identità locale hanno portato le sue due specialità: pašticada Trogir e rafijol Trogir. I migliori di provarle attraverso il prisma di due dalmata istituzioni: taverne e snack. E non dimenticare il vino autentico: Pošip (bianco), Babic(nero), Postup, Pharos e molti altri.

Città delle storie
Trogir è stata fondata da coloni greci di nuovo nel terzo secolo prima di Cristo.
Nel corso dei secoli è stato sequestrato dai Romani, Bizantini, Ungheresi, Venezia, Napoleone. 

Culturale, umanistica e la costruzione fiorirono nel Medio Evo, quando alzando le mura e le torri dell’antico nucleo costituito la fondamentale contorni di una serie di edifici del periodo romanico, gotico e rinascimentale, gli valsero il titolo di miglior romanica - gotica città conservati dell’Europa centrale, che è il motivo per cui è stata dichiarata dall’UNESCO mettere nella Lista del Patrimonio Mondiale. 

Città dei attrazioni
In passato, la città era uno dei più grandi centri culturali Dalmazia: nel 13 ° secolo, arricchito dalle opere del maestro Radovan e Ivan Lucic, che aveva onorato il suo famoso statue, gli edifici e dipinti. Il portale di Radovan è finito in 1240i anno, una e unica opera monumentale del croato grandi artisti per i quali l’etichetta in base al timpano dice che "in questa arte da tutti i più eccellenti." 

Il nucleo storico è formato da 13 e 15 secolo all’interno delle mura difensive, e restaurato nel 15 ° Venezia secolo. Veneziani ha inoltre aggiunto due torri che si conservano ancora: torre Kamerlengo e la torre di San Marco. Torre Kamerlengo si trova nella parte sud-occidentale dell’isola. Il presente modulo viene ricevuto nel 15 ° secolo. La torre sud del San. Marco il 15 c. Tra le due fortezze, dal tempo di occupazione francese, è costruito gloriet in stile classico. Il più vecchio, parte orientale della città si sviluppò intorno alla piazza principale con la cattedrale. La parte occidentale, Pasike, è stata costruita più tardi.

L’ingresso alla città da nord attraverso la porta della città rinascimentale dal 17 secolo, con una scultura del Beato Giovanni Orsini, patrono della città. La piazza principale è la cattedrale costruita nel 13 ° a 15 secolo, con le caratteristiche e la stili romanico e gotico. L’ingresso della cattedrale è ornata l’opera d’arte romanica periodo più prezioso in Dalmazia - portale di Radovan nel 1240.

La bella oggetti più dal tesoro delle esposizioni sono esportati panno, avorio e medievale trittico gotico dipinto codici. Scultura San Lawrence e frontone triangolare sono stati aggiunti al portale nel 14 ° secolo. La cattedrale anche: Tipi del carattere a.1464, dello scultore Andrija Alesi; pulpito ottagonale in pietra dal 13 secolo, il coro gotico, il ciborio del secolo 14, dipinti di maestri italiani e locali, una cappella gotica di S. Jerome dal 1438, e la cappella del Beato Ivan Ursini - il più bel monumento rinascimentale in Dalmazia, l’opera di Niccolò di Firenze, nel 15 ° secolo. 

La piazza principale è la loggia della città dal 15 secolo, la torre dell’orologio e la chiesa di S. Sebastian, che è stato costruito in stile rinascimentale. Piccolo, chiesa medievale di San precoce Barbara, costruita dal 9 a 10 secolo, si trova dietro la Loggia ed è la chiesa più antica di Trogir. La piazza è stata chiusa al palazzo Cippico. Di fronte del palazzosi trova municipio, dal 15 secolo. La chiesa rinascimentale di sv. Giovanni Battista dal 13 secolo, con resti di affreschi medievali e la tomba della famiglia Cippico, si trova accanto muncipio, lungo il perimetro della piazza. Proseguendo verso la costa è parte delle mura conservati con una torre difensiva e resti della porta della città rinascimentale del 1593i 

Trogir - LA Città di UNESCO
Dal 1997 Trogir è sotto un protetto dall’UNESCO come unico esempio ben conservato di città dell’isola romanico. Trogir è un notevole esempio di continuità urbana.
Strade pianta ottagonale della parte orientale del villaggio risale al tempo della Grecia antica.

Potenti sovrani della città, hanno integrato la sua propria e personale soluzioni architettoniche pubbliche e fortificazioni. La città ha belle chiese romaniche e una serie di bellissimi edifici rinascimentali e barocchi del periodo veneziano.